Chi C'era

Istituto Alberghiero Nembro: Cibi diversi, un solo gusto quello italiano

Istituto Alberghiero Nembro: Cibi diversi, un solo gusto quello italiano

Data: 15/04/2011

Quale momento migliore se non quello del centocinquantesimo anniversario dellUnita dItalia per dare una svolta al mondo spesso troppo settoriale della nostra realt scolastica? Questo stata lidea di base che ha spinto lufficio scolastico territoriale di creare un evento che avesse come tema centrale proprio lunione e la collaborazione. Da ci nata la tre giorni che, dal 14 al 16 Aprile, ha coinvolto lIstituto Alberghiero Statale A.
Sonzogni di Nembro, lIstituto Agrario Statale Cantoni di Treviglio e il Liceo Classico di Salemi. Tre giorni ricchi di appuntamenti per una full immersion allinsegna del gusto e della tradizione italiana, con lobiettivo di creare un ponte tra il passato e il presente, nonch ununione tra la cultura gastronomica del Sud e quella del Nord. Appuntamento centrale il convegno Memorie di gusto, un momento dedicato alla storia nazionale, a quella materiale e al loro intreccio. Tanti i consensi anche per la cena di gala svoltasi la sera del 15 Aprile presso lIstituto Alberghiero di Nembro, durante la quale i futuri cuochi hanno cucinato per le tante autorit ed ospiti presenti (tra i quali il Dot. Maggioni con la moglie Letizia, il consigliere provinciale Giusppe Mittiga e il Dott. Giuseppe Petrolia) gustosi piatti realizzati dallintreccio dingredienti della cucina del Nord e del Sud, per un connubio di colori e sapori atti a dare risalto alla nostra storia passata, al nostro presente e al nostro futuro.

Dott.ssa Maria Amodeo
Dirigente scolastica Istituto Sonzogni Nembro

Da dove nata lidea di questa manifestazione?

Dalla voglia di celebrare il compleanno dellUnit dItalia a modo nostro, sottolineandone il punto di vista culturale e innovativo.
Collaborando con lufficio scolastico provinciale cos nata lidea di sviluppare un progetto modulare che potesse rappresentare nellinsieme la sinergia tra unioni distituzioni del territorio, per un recupero delle tradizioni e una proiezione verso il futuro.
Qual il piatto cucinato stasera che pi di tutti rappresenta questa unione?
Il tricolore stato il filo conduttore di ogni ricetta, per creare un effetto visivo dimpatto ma anche ununione di sapori. Mi viene in mente ad esempio il risotto alle spezie, che crea un connubio tra un prodotto del Nord e i sapori del Sud.
Perch avete scelto Salemi come citt d'interscambio?
Perch stata una delle citt garibaldine. Inoltre abbiamo cercato di dimostrare la possibilit di collaborazione tra Nord e Sud, tra il nostro modo di fare cucina e il loro, per sperimentare piatti nuovi e nel contempo creare anche un rapporto profondo di amicizia tra i ragazzi.
Quali sono le sue ambizioni per il futuro di questa scuola alberghiera?
Principalmente quello di creare una sinergia tra il nostro istituto e il territorio per dare risalto alla Valle Seriana, che possiede delle potenzialit immense ma non adeguatamente sfruttate, soprattutto in ambito turistico. Mi auguro pertanto che questa scuola diventi il punto di raccolta di tutte le ambizioni del territorio.
Come ha vissuto lei questo centocinquantesimo dell'Unit d'Italia?
Con tanta emozione. Io sono unex insegnante di storia e filosofia e nei miei studi ho sempre considerato il risorgimento come la matrice per capire il presente. Perch, mi creda, se non si capisce il proprio passato non si pu nemmeno capire il presente ed avere unidea progettuale per il futuro.




Edita Periodici © All rights reserved.
Cookie policy
segreteria@editaperiodici.it
www.editaperiodici.it


Via B. Bono, 10
24121 Bergamo
Tel. 035 270989
Cod. Fisc. e P.IVA 02103160160
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
Registro imprese nr. 02103160160
REA - 306844
Publifarm