News

Maxi-indagine su una rete di pedofilia: inquietante

30/06/2020 | Germania

In Germania una maxi-indagine sta cercando di far luce su una questione tanto delicata, quanto lugubre: 30 mila persone sono sospettate di far parte di una rete di pedofilia. 30 mila sono una cifra spaventosa, un esercito di pervertiti in giro per la Germania.

La magistratura tedesca, come riporta Skytg24, sta concentrando la sua attenzione su una pericolosa rete di pedofilia, nella regione occidentale di Bergisch Gladbach. Circa 30 mila persone sono sospettate di esser entrate a far parte di questo losco giro. Secondo gli inquirenti, i sospettati si sarebbero anche scambiati alcune informazioni attraverso lutilizzo di forum del web.

A prender parola sulla delicatissima questione stato Peter Biesenbach, ministro della giustizia del Land del Nordreno-Vestfalia. Dalle sue parole traspare come gli inquirenti stiano portando avanti lindagine con molta accuratezza. Inoltre, dal suo discorso emerso come parte di questi soggetti si sia scambiato informazioni su web, addirittura scambiandosi consigli su come rendere accomodanti i bambini.

Come riporta Skytg24, il ministro della Giustizia si espresso da Duesseldorf, dove venuto a sapere della maxi-indagine. Si tratterebbe, come il ministro stesso ha fatto sapere, di 30 mila sconosciuti. Ma il suo commento stato chiaro e conciso: Vogliamo trascinare gli autori e i sostenitori degli abusi sui minori fuori dallanonimato di Internet.

Profondamente inquietante, con queste parole il ministro ha poi commentato la delicata questione. Le sue parole, riportate anche dallagenzia di informazione Adnkronos, mettono in luce la portata di questo lugubre evento: Non avevo preventivato neanche lontanamente la portata del fenomeno su Internet.



Edita Periodici © All rights reserved.
Cookie policy
segreteria@editaperiodici.it
www.editaperiodici.it


Via B. Bono, 10
24121 Bergamo
Tel. 035 270989
Cod. Fisc. e P.IVA 02103160160
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
Registro imprese nr. 02103160160
REA - 306844
Publifarm