News

La demenza come non l'avete mai vista

07/06/2018 | Italia

In arrivo per la prima volta in Italia dallAmerica la diffusione di un metodo rivoluzionario per capire cos la demenza

approdato in Italia il Virtual Dementia Tour (VDT), linnovativo percorso esperienziale che lAssociazione InsiemeAte Onlus diffonde per la prima volta in Italia.

I numeri parlano chiaro. Nel mondo ogni 3 secondi viene diagnosticato un nuovo caso di demenza. Nel 2015 circa 46,8 milioni di persone convivevano con una forma di demenza e questa cifra destinata a raddoppiarsi nel 2030 poich in generale nel mondo occidentale, cos come in Italia, si sta verificando un invecchiamento della popolazione. Lesigenza di saper entrare in relazione e supportare nella vita quotidiana una persona con demenza diventer sempre pi comune e importante.

Il Virtual Dementia Tour (VDT) un metodo originale, innovativo e scientificamente provato per generare una maggiore comprensione del tema della demenza, attraverso luso di istruzioni e strumenti sensoriali brevettati.

Il percorso esperienziale del VDT, stato creato dalla specialista in geriatria P.K. Beville, fondatrice di Second Wind Dreams, unorganizzazione statunitense internazionale no profit, con sede a Roswell (Georgia), riconosciuta come la numero uno della nazione nellimpegno per trasformare la percezione dellinvecchiamento attraverso la realizzazione dei sogni per le persone anziane.

Durante lesperienza del VDT, facilitatori qualificati guidano i partecipanti, equipaggiati con dispositivi brevettati che alterano i loro sensi, mentre cercano di compiere comuni mansioni quotidiane ed esercizi. Il VDT permette ai caregiver di sperimentare in prima persona le difficolt fisiche e mentali che le persone con demenza devono affrontare quotidianamente e di usare a loro volta questa esperienza per fornire una migliore assistenza centrata sulla persona (Person-Centred-Care).

Il progetto coinvolger gli operatori professionalmente deputati allassistenza delle persone anziane, le famiglie e il contesto sociale in cui la persona fragile vive, nello specifico:

VDT - Nellambito professionale di assistenza e cura delle persone anziane
Il Programma Completo del VDT ideato per la formazione del personale in contesti clinici e/o educativi (es. operatori di RSA, case di riposo, servizi al domicilio, scuole di medicina, organizzazioni specializzate nellassistenza anziani, ecc.) al fine di offrire una visione in grado di modificare la prospettiva e le modalit con cui lo staff si approccia al tema dellassistenza alla persona.
Un risultato molto importante ottenuto dal metodo VDT la riduzione nellutilizzo di farmaci psicotropi una volta che il personale ha acquisito una migliore comprensione del comportamento delle persone che vivono la demenza.

Il VDT anche stato riconosciuto meritevole di plauso in quanto punto di svolta nellaiutare il personale a comprendere cosa realmente comporti unassistenza centrata sulla persona (Person-Centred-Care). La conclusione che la qualit della vita degli assistiti migliora e i caregiver possono beneficiare di una riduzione del numero di situazioni gravose e di un miglioramento nella relazione con gli assistiti.

VDT - Allinterno della Comunit
La demenza non colpisce soltanto il singolo individuo, ma coinvolge lintera Comunit. Il Virtual Dementia Tour stato sviluppato anche col fine di mostrare a tutti uno scorcio del mondo della demenza e consentire di comprenderla per elaborare consapevolezza e informazioni necessarie in qualsiasi contesto in cui venga sperimentata la demenza (es. lavoro, famiglia, etc).

Ad oggi il VDT stato sperimentato da oltre due milioni di persone in 20 Paesi nel mondo.

In Italia, la diffusione del VDT stata affidata in esclusiva e per la prima volta allAssociazione InsiemeAte Onlus, unimpresa sociale che fornisce assistenza domiciliare a favore di persone fragili e delle loro famiglie, per garantire benessere e qualit della vita allinterno della propria casa.

Paola Brignoli, Direttore Operativo dellAssociazione InsiemeATe Onlus, afferma: Noi crediamo fortemente che sia possibile vivere bene con la demenza, ma affinch questo si possa realizzare importante che non solo i caregivers e i familiari siano di aiuto e di supporto nella vita quotidiana, ma anche il contesto sociale in cui vive la persona con demenza sia attivamente coinvolto e sensibilizzato. Conclude Paola Brignoli: LAssociazione InsiemeAte Onlus si impegna a diffondere sul territorio nazionale una diversa percezione della demenza e della condizione di fragilit per combattere la mancanza di comprensione e conoscenza, che porta chi vive questa condizione alla solitudine e allisolamento.


ASSOCIAZIONE INSIEMEATE ONLUS
LAssociazione InsiemeAte Onlus unimpresa sociale che fornisce assistenza domiciliare a favore di persone fragili e delle loro famiglie, per garantire benessere e qualit della vita allinterno della propria casa.
Il metodo di InsiemeAte basato sullapproccio Person Centred Care (PCC), ossia Cura Centrata sulla Persona, che un modello di intervento psicosociale, diffuso in tutto il mondo, che pone al centro del processo di cura la persona, indipendentemente dallet e dal suo stato di salute, valorizzando la sua prospettiva di vita e dando unimportanza fondamentale alle relazioni.



Edita Periodici © All rights reserved.
Cookie policy
segreteria@editaperiodici.it
www.editaperiodici.it


Via B. Bono, 10
24121 Bergamo
Tel. 035 270989
Cod. Fisc. e P.IVA 02103160160
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
Registro imprese nr. 02103160160
REA - 306844
Publifarm